TWO MACRO FACTORS COULD HALT BITCOIN’S DREAM RUN TO $20,000

Il prezzo del Bitcoin dovrebbe andare verso i 20.000 dollari, un massimo storico, secondo molti analisti di punta, ma alcuni macro fattori potrebbero fermare la sua corsa dei tori da sogno.

Quest’anno il tasso di cambio BTC/USD è salito a un massimo annuo superiore a 12.000 dollari. La tendenza al rialzo della coppia è apparsa sulle crescenti offerte di beni di rifugio sicuro, dato che la pandemia di COVID non mostra segni di cedimento. Gli analisti indicano un valore di miliardi di dollari di aiuti di stimolo necessari per aiutare l’economia statunitense a superare l’epidemia. Temono che si lascino dietro un’inflazione più alta.

„I tentativi della Federal Reserve di controllare l’inflazione finiranno probabilmente in un disastro, a beneficio di BTC“, ha detto Anthony Pompliano, co-fondatore di Morgan Creek Digital. „Siamo d’accordo. Una volta che la FED perde il controllo dell’inflazione, non si torna indietro“.

Inoltre, la banca centrale degli Stati Uniti sta stampando denaro a tassi di interesse quasi nulli. Un allentamento della politica monetaria come questo rende la Bitcoin Profit più attraente da tenere. Parte del motivo è la riduzione dei costi di opportunità offerta dal Tesoro statunitense. Mentre i rendimenti scendono, i beni rifugio salgono.

Mentre ci sono una pletora di fattori che supportano Bitcoin per il suo obiettivo di prezzo di 20.000 dollari, ci sono anche due eventi significativi che potrebbero cambiare la direzione della criptovaluta nelle sessioni a venire.

IL VACCINO N. 1 CONTRO IL BITCOIN

Una delle ragioni principali per cui il rally dei prezzi Bitcoin potrebbe fermarsi prima di raggiungere i 20.000 dollari è un vaccino COVID.

Un modo efficace per affrontare la pandemia ridurrebbe il bisogno della Fed e del Congresso degli Stati Uniti di rimanere colombiani. I mercati riapriranno come al solito, il che si tradurrebbe in un recupero di posti di lavoro. Un vaccino appare abbastanza vicino, dato che molte delle principali aziende farmaceutiche del mondo corrono l’una contro l’altra per lanciarne uno.

Yung Yu-Ma, il principale stratega degli investimenti di BMO Wealth Management, ha detto nel contesto dell’oro, un altro bene rifugio sicuro che la scorsa settimana ha raggiunto il suo massimo storico, che il metallo prezioso potrebbe andare a fondo con il lancio di un vaccino di successo.

„Se una linea temporale accelerata per il vaccino si realizzasse, la nube oscura sull’economia globale comincerebbe ad alzarsi e la domanda di oro di qualità ‚rifugio sicuro‘ si indebolirebbe probabilmente“, ha detto.

Il Bitcoin, che ha formato una correlazione positiva record con l’oro, sarebbe soggetto a rischi simili. Il bisogno della gente di tenere la criptovaluta diminuirebbe con l’aumento dei tassi d’interesse della Fed.

ELEZIONE PRESIDENZIALE

Nel frattempo, la Bitcoin prevede di operare con cautela in vista delle elezioni presidenziali americane di novembre.

Il candidato democratico Joe Biden si è impegnato a cancellare molte delle politiche monetarie di Donald Trump. Gli osservatori ritengono che ciò ridurrebbe lo stress sui mercati, il che, a sua volta, ridurrebbe la domanda di beni rifugio.

„Potrebbe essere un discorso che Biden fa che potrebbe essere una qualche azione conciliante sul fronte dell’amministrazione sul commercio internazionale“, ha detto Guy Benstead, portfolio manager di Shelton Capital.

I prossimi mesi servirebbero come stress test per Bitcoin. Mentre i credenti hardcore della criptocurrency vedono il suo prezzo superare i 20.000 dollari entro il 2021-top, una rinnovata fiducia nell’economia statunitense è ancora un rischio che i tori non possono ignorare.